Header

Discorso di insediamento del presidente 2012-2013, Dott. Riccardo Malan. 


Carissimi amici, non nego che un po' di emozione, ora che sono giunto al momento dell'insediamento, la stia provando, ma credo che la carica che andrò a ricoprire possa darmi la forza e lo stimolo per superare anche gli iniziali disagi psicologici che, ahimè, sono umanamente amissibili....

Voglio ringraziare, innanzitutto, coloro che mi hanno voluto presidente, fidando nelle mie capacità mettendomi alla prova; ed è proprio a costoro che con estrema modestia chiedo aiuto, si proprio così, perchè credo che solo con un po' di umiltà si possano fare grandi (speriamo!) cose insieme adoperandoci in un lavoro di gruppo in cui ogni socio di questo club si senta responsabile e coinvolto. Spero quindi in questo anno rotariano, lungo o breve dipende da come lo saprò interpretare, di non deludere le Vostre aspettative..... mi rifaccio alle parole di Robert Barth che fu presidente del Rotary International 1993/94 “nell'organizzazione ideale, il livello più alto, quello della leadership dovrebbe stare vicino alla base”. Quindi il mio desiderio è quello di incrementare il coinvolgimento dei soci, più gioco di squadra, maggiore presenza ma non solo fisica, ma di intenti, più impegno per servire al di sopra di ogni interesse professionale: questo sarà il mio credo rotariano in questo anno! Mi raccomando però, non abbiate timore se dovessi commettere degli errori, dovuti alla mia inesperienza, a correggermi …. farò tesoro dei Vostri consigli!

Veniamo ora agli intenti programmatici che come presidente ho il dovere di indicare:

– siamo in un periodo di crisi economica di gravissima entità che coinvolge non solo il nostro paese ma buona parte del mondo occidentale e non, mi sento quindi obbligato moralmente di indirizzare le mie energie ad un maggior impegno nel sociale volto ad aiutare chi è in difficoltà: meno attività ludica ma più servizi
– maggiore impegno congiunto con i clubs genovesi e, prima volta in relazione alla suddivisione del distretto, con i clubs levantini di cui veniamo a far parte, con i quali mi auspico, di condividere services a finalità sul territorio
– meno visibilità ma più concretezza, nello spirito rotariano, con un ritorno al “rigore”: giovedì giorno canonico di conviviale (ovviamente salvo rarissime eccezioni) e l'austera riunione “caminetto” volta ad incrementare il sodalizio e lo scambio di opinioni e consigli tra i soci del club nell'intento di saldare il legame di amicizia, cardine della nostra filosofia. Ed è in questa ottica che mi auspico un incremento degli interclub per aumentare l'affiatamento fra i nostri cugini rotariani
– un programma di conviviali con ospiti relatori che sappiano calamitare l'interesse dei presenti In termini di services proseguirò il cammino già delineato di progetti congiunti con i clubs genovesi:

– acqua per sempre
– censimento dei beni culturali
– talassemia e con la Rotary Foundation:
– endpolio attuerò una collaborazione fattiva ed economica con l'associazione il melograno: – progetto CEPLA del nostro amato socio don Marco Torre, per ridare lavoro e dignità a chi lo ha perduto ed a chi non lo ha ancora trovato... darò sostegno alla :
– onlus San Marcellino e mi impegnerò nell'attuare , soli o in compagnia dei clubs levantini, interventi sul territorio tra i quali quello in collaborazione con i clubs genovesi per:
– la valorizzazione delle fortificazioni del comprensorio del Parco di Portofino (mi sembrava doveroso data l'ubicazione del service). Il mio intento quindi è quello di riportare la percentuale a bilancio dei services verso il 40% del budget, riducendo le spese per le conviviali, e recuperare con la Rotary Foundation il tempo perduto....in un programma biennale con il presidente designato 2013/2014 Massimiliano Segala per il quale ci stiamo già attivando con il valido supporto del nostro socio Testino Sergio.

Capitolo a parte, ma non meno importante, la questione delle quote soci....per le quali mi auspico una maggiore sollecitudine e puntualità del dovuto alle scadenze stabilite da parte di tutti. Bene accette ed assolutamente ascoltate e valutate le idee ed i progetti che ciascun socio proporrà nel corso dell'anno: è solo con l'aiuto di tutti che si potrà crescere! Mi sento ora obbligato a ringraziare per il lavoro svolto tutti i presidenti che mi hanno preceduto a cominciare da chi ci ha fondato, per me “padrino” rotariano, colui che mi ha traghettato in questa splendida avventura ed al quale sono profondamente legato da un sentimento profondo, sincero di grande amicizia: Beppe Anfossi. Spero voglia farmi da “papà” anche in questo anno infondendomi consigli e regalandomi quel supporto morale che con la sua esperienza sarà la forza motrice per il mio cammino da presidente. E poi non posso non menzionare Domenico Gallo e Ines Guatelli, oggi assistente del governatore e mia grandissima collaboratrice, una “lady” presidentessa che con la sua gentilezza, disponibilità e capacità professionale ha saputo far crescere il nostro club non solo numericamente , ma anche qualitativamente......cosa che è riuscita con grande successo anche al mio grande amico Antonio Rosina di cui mi vanto esserne stato il “padrino” rotariano, con il quale condivido buona parte della filosofia gestionale del club. Dulcis in fundo un saluto caloroso a Sandro Antola, il “principe” della burocrazia rotariana che oggi abbandona....credo proprio con rammarico la sua carica onorata con grande professionalità : chi mai potrà fare meglio di lui??? Intanto spero mi stia accanto come valido collaboratore: ho tantissimo da imparare da lui! Non dimentico però uno sguardo al futuro: il presidente designato 2013/2014 Massimiliano Segala, di cui sono orgoglioso “padrino” rotariano, mio attuale validissimo e collaudatissimo prefetto con il quale condivido visione ed intenti volti ad una collaborazione che spero ci possa portare grandi soddisfazioni.

A questo punto mi pare doveroso presentare la squadra che nella buona o cattiva sorte dividerà con me gioie e dolori di questo anno: – i due vicepresidenti : Lorna Galli e Torrielli Giancarlo – il prefetto: Massimiliano Segala – il tesoriere : Luigi Orso – Il segretario: Adolfo Ronco – il webmaster factotum: Menada Stefano – i consiglieri: Luisa Dugnani, Renzo Felici, Antonio Crosa di Vergagni, Stefano Ferrera, Mario Friburgo, Grondona Pietro Sarà mio impegno svolgere questo compito in qualità di presidente con umiltà ed entusiasmo e confido nella professionalità e capacità del mio staff che di certo non mi deluderà!

Rotary Club Portofino, Distretto 2030, Italia - Tutti i diritti riservati.